Sculacciate sulle ginocchia di Babbo Natale

Passavo le vacanze di Natale a casa dello zio Simone e zia Carla,ma io sono sempre ubbidiente e tranquillo, una sola volta le ho prese anche io qualche anno fa col frustino di salice sulle cosce e gambe ,perchè lo zio Simone diceva sempre che i maschietti non dovevano denudarsi il culo mentre le femmine si (melo male) ma veniamo al racconto.
Era il 23 dicembre del 1967 ricordo benissimo ,quando arrivai a casa dello zio il 25 sarebbero arrivati anche i miei genitori ,quando lo zio dopo ripetuti richiami e brontolii continui scattò in piedi posando la pipa e urlando -ora basta. qua in fila, via le mutandine e su le gonnelline- Emiliae Giovanna in ordine di età, cambiarono faccia di colpo -ma papà no no ti prego- lui arrabbiato – niente scuse avete passato il limite,ed una bella sculacciata e quello che ci vuole- rassegnate si tolgono le mutandine e si alzano la gonnellina che non era altro che una corta camicia da notte, rimanendo con i lunghi calzini fino al ginocchio come usava a quei tempi ,la prima come sempre tocca ad Emiliala più grande, la quale si stende sulle ginocchia ,(io subito mi piazzo in posizione da vedere bene, lo so che a loro piace che le guardi mentre prendono le sculacciate) parte subito una sonorissima sculacciata veloce e schioccante, Emiliasi lamenta ,ma neanche tanto devo dire, sculetta alzando prima una e poi l’altra chiappetta a ritmo, mentre si arrossano velocemente,Giovanna nel frattempo si avvicina e mi sussurra in un orecchio “tra poco tocca a me” io arrossendo come un gambero le chiedo -ma allora ti piace prendere le sculacciate?- – si un poco, più che altro mi piace se ci sei tu che mi guardi-io ancora più rosso che mai sto cercando di dire qualcosa,ma lo zio chiama -Giovanna dai tocca e te- Emiliasi alza e si massaggia le chiappette rosse come due pomodori e viene a sedersi di fianco a me,inizia subito la sculacciata di Giovanna, ed Emiliami sussurra nell’orecchio -ti è piaciuta la mia sculacciata?- io sto per prendere letteralmente fuoco e lei – ma dai che si vede che ti piace ai un gonfiore nel mezzo ai pantaloni enorme-io cerco di sistemarmi meglio seduto sul divano mentre Emiliami accarezza una gamba.
Zia Giovannami guarda con la faccia un po nera, io sono imbarazzatissimo non riesco neppure a gustarmi la sculacciata di Giovanna ,non so più cosa fare o dire ,alla fine Giovanna si alza dalla mia parte mostrando tutta la rotondità del suo magnifico culo e la farfallina completamente esposta e bellissima, poi viene anche lei a sedersi di fianco a me.
Io dentro ho il fuoco, sono le prime erezioni di ragazzo ,e le due monelle mi stanno mettendo in mezzo, stanno giocando come due gatte con il piccolo topo;ho già avuto qualche altra esperienza piccola ma non cosi esplicita come sta accadendo questa volta ,lo zio poco dopo guardando le due monelline disse- signorine! ho capito che vi piace essere sculacciate ,ormai è più un piacere che una punizione per voi vero?- – ma no no babbo ci fanno male le tue sculacciate è vero- (rispondono in coro) -si ma è da questa estate ormai che vi dico che babbo natale questo anno sarà diverso per voi due eccome se sarà diverso vedrete- le due pestifere dicono sotto voce ,ma che sarà mai ,minaccia sempre e poi finisce solo con una piccola sculacciata ,la chiamano piccola loro(penso io) hanno il culo rosso fuoco,dopo poco lo zio come al solito ordina di andare a letto perché è tardi.
Giovanna e Emiliasi alzano dal divano ed io le seguo, salgono le scale sono ancora senza mutandine,è magnifico vedere quelle quattro chiappette rosso fuoco e le loro faccine che girandosi mi strizzano l’occhio facendomi arrossire di nuovo ,poi vanno in camera sua dicendomi – buonanotte cuginetto e sogni d’oro- altro che sogni d’oro passai quasi tutta la notte sveglio a masturbarmi, ripensando non solo alle sculacciate seppur bellissime, perché lo zio Simone era espertissimo, ma bensì a quello che mi avevano confessato come al fatto che le piacevano le sculacciate ,e poi pensavo già a chissà quale sorpresa alludeva lo zio per la sera del 24 Dicembre .
Tra una masturbazione e l’altra, una allusione e toccatine in mezzo alle mie gambe dalle mie cugine arriva la sera del 24, io sono emozionatissimo siamo tutti a sedere sul divano,la zia è in cucina che prepara già per il giorno dopo, lo zio è in poltrona che legge e fuma la pipa, e le cuginette sono di fianco a me con in dosso una camicetta da notte corta corta che lascia scoperte le cosce fino in alto,quando lo zio non vede le due civettuole si sollevano la camicetta per farmi vedere i triangolini e che sono senza mutandine – chissà- dicono sotto voce -quale sarà la sorpresa?tu cosa dici? mi chiedono, io divento subito rosso come al solito ed accennando poche parole dico -forse vi sculaccierà ancora- -bravo- mi rispondono in coro sai che novità,però continuano dicendo -a te piacerebbe vederci sculacciare?- io rossissimo raccolgo tutto il mio coraggio e rispondo -si si mi piace molto- hhoooo finalmente l’ho detto,loro sorridendo -e ci voleva tanto?- poi si guardano sghignazzando e farfugliando tra loro ,si dicono sottovoce -se invece di essere più piccolo di noi fossi più grande potresti sculacciarci anche tu- diventando più rosso delle decorazioni di natale balbettando rispondo -iiii iii iioo io scu scu scuullacccciarvvviii? – -perchè non ti piacerebbe?- ancora una volta prendo una bella boccata d’aria e rispondo -si si si eccome se mi piacerebbe- ma loro in coro -hee hee ma sei più piccolo ed a noi piace prenderle da un uomo- lasciandomi li deluso .
Ormai il tempo passa sono le 10;30 suona il campanello e loro in coro -è babbo natale- si alzano mostrando entrambe i culetti nudi e vanno ad aprire -salve babbo natale prego si accomodi- -HO HO HO HHOOO- entra si siede sul divano di fianco a zio Simone e comincia a parlare, io nonostante sia più piccolo è già un po di anni che non ci credo più ma le due monelle -allora babbo natale cosa ci hai portato?- Emiliadice -io avevo chiesto il motorino ed io la macchina fotografica- – piano piano bambine- risponde babbo natale con un accento non italiano,che la mia giovane età non mi fa comprendere di dove sia – prima ho una cosa da dirvi, vostro padre è molto scontento di voi e mi ha chiesto di provvedere ed io ho accettato volentieri di aiutarlo. Perciò prima del regalo c’è questa ,si diciamo questa formalità- – cosa cosa babbo natale?- allora babbo natale tira fuori dal suo lungo sacco sulla schiena due stretti e lunghi pacchetti uno per ogni ragazza dicendole di aprirli ,li aprono ed esce da ogni pacchetto una canna sottilissima e lunga con un manico ricurvo ,io prendo fuoco istantaneamente come un fiammifero ,avevo visto in qualche rara foto e qualche disegno quello strumento cosi spaventoso ma anche così eccitante, le ragazze deluse -che regalo è questo? non vorrai mica darcele con questa specie di frusta vero?- – no no care non sarò io a darvele ma il mio amico babbo natale ,vero ?- e babbo natale risponde -con vero piacere- e togliendosi la barba le due fanciulle esclamano – ma! è il sig. Scrooge il ragioniere dell’azienda di papà- – si signorine dice lo zio Simone sarà proprio il sig. Scrooge a punirvi come si deve lui è inglese ed è espertissimo in materia l’ha già fatto migliaia di volte – le due monelle ora non ridono più, cercano di convincere lo zio a desistere ,ma niente da fare, lo zio è deciso a farle bacchettare ben bene .
Babbo natale ovvero il sig;Scrooge prende la parola e dice – signorine dato che è per voi la prima volta mi limiterò a darvi solo due dozzine di colpi a testa ho pardon a culo volevo dire ,chi é la più grande ?- Emiliarisponde -sono io- -bene vieni qui piegati a gambe rigide fino a prenderti le caviglie con le mani- il culo di Emiliaè bellissimo cosi piegato bello teso, la farfallina castana riccioluta fa da rifinitura a quella bellezza che ho di fronte a me a circa 1 metro, sono inebriato la testa mi ronza ,il sig.Scrooge accarezza energicamente il culo di Emiliacome se volesse assaggiarne la consistenza, poi prende la bacchetta la fa fischiare in aria molte volte ,ogni vota Emiliaha una scossa ,il sig.Scrooge appoggia la bacchetta a metà chiappe di mia cugina poi dice – signorina ti è permesso solo un piccolo gemito ,non devi urlare e non devi lasciare la posizione altrimenti dovrò ripetere il colpo capito?- Emilianon risponde fino a che il sign. Scrooge alzando leggermente la voce -Capitooo?- -si si ho capito- -devi rispondere si sig.Scrooge- -si sig.Scrooge- dice Angela, subito la canna scatta in alto e poi giù fortissimo un colpo sul culetto di mia cugina che non solo urla ma si alza e si massaggia il culo saltellando e urlando -ma ma è terribile non si può resistere- il sig.Scrooge dice -colpo non valido si ripete,giù- ordina – e stai ferma e zitta- Emilialamentandosi si rimette in posizione, le gambe le tremano una riga rossissima le attraversa il culo e subito SSWWIIFTTT STACK un secondo colpo appena sopra il primo fa tirare un urlo a mia cugina, anche se non lascia la posizione si divincola un po, ma il sig: Scrooge non si scompone e dice – colpo non valido- -noooo -fa mia cugina -come faccio? non è possibile- -devi stare ferma e zitta te l’ho detto – – ma non è possibile è tremendo- il sig:Scrooge – signorina le ragazze inglesi le prendo molto spesso ed anche dosi molto più massicce- anche le famigerate 6 dozzine che è il massimo consentito per ogni singola punizione , rimettiti in posizione- io guardo la faccia di Giovanna bianca come un fantasma lo zio e la zia un po preoccupati ,forse quando lo zio ha chiesto aiuto al suo ragioniere non pensava che le famose bacchettate inglesi fossero così severe.
Un nuovo fischio e la canna si abbatte sul culetto tremante di Emiliache questa volta riesce a stare quasi ferma e zitta,il sig. Scrooge dice ad alta voce -UNO bene signorina -ma non fa in tempo a finire la parola che STAAACCKKK ,uuuaaaooo fa Angela, STTAAAAKKKK ancora uuaooooo siamo al terzo colpo buono 4°, 5°, 6°, SStttaaacccckkk AAAIIOOOO e si alza a massaggiarsi il culo urlando ed inveendo contro il sig.Scrooge – lei è un pazzo non si può resistere- .bene signorina si pieghi giù 3 colpi supplementari- -NOOOOO – la risposta di EmiliaSSTAAACCK STTAAAACCCK STTAAACCCK tre tremendi colpi ma Emiliaquesta volta li resiste coraggiosamente ,al chè il sig. Scrooge prosegue velocemente, 7….8….9…10….11….DODICIIIII haaaaa mia cugina Emiliasi alza e si massaggia il culetto rosso fuoco con striature rosso scuro più marcate.
Subito il sig. Scrooge chiama Giovanna -qua e giù – Giovanna spaventata ma subito solerte si piega e si prende le caviglie con le mani ,è bellissimo il suo culo e la farfallina con meno ricciolini di Emiliama ugualmente bella molto bella ,il sig, Scrooge fa fischiare la bacchetta in aria e subito dopo la fa schioccare sul culetto di Giovanna che tira un leggero urletto ma non si muove ,e lei stessa dice -1 signore? – -si signorina- risponde il sig. Scrooge Staaacckk -2 signore- -bene- staaaccckk hauuu -3 signore- -bene signorina, ma attenzione siamo al limite- e giù un colpo fortissimo dal quale Giovanna non si muove ma urla forte e subito dopo dice -ripeta il colpo signore- -benissimo Giovanna vedo con piacere che hai capito- Staaacck – 4 signore- -bene molto bene- Staacccckkkk a sorpresa sulle cosce -AAAUUUIIIOO aiiia- urla Giovanna -eh no signorina- -si signore ha ragione ripeta il colpo grazie- e subito staaacckkk -ai 5 signore- stack -6 signore- staacck -7 signore- -molto bene Giovanna benissimo- Sttacccck 8 Stack 9 Stack 10 STAAAACCK STAAACCKKK -aiooooo uiiooo noooooo- Salta in aria massaggiandosi il culetto infuocato, quei 2 ultimi colpi tremendi entrambi sulle cosce una anche molto basso dove fanno più male,il sig.Scrooge lo sa e ovviamente lo fa apposta per rendere la punizione più efficace ,Giovanna si rimette al posto e chiede al signore di ripetere gli ultimi 2 colpi ,il sig.Scrooge molto soddisfatto si mette in posizione ed assesta 2 frustate fortissime con un sibilo tremendo sulle cosce della bella Giovanna che trattiene a stento l’urlo che sta per uscirle dalla bocca, passa qualche secondo e poi ringrazia il sig; Scrooge -benissimo Giovanna vai al posto.
Giovanna si siede accanto a me ma di colpo si rialza perchè il culo le fa malissimo allora si inginocchia di fronte a me ,io posso vedere qual magnifico culetto infuocato come quello di Emilia,che nel frattempo piagnucolando va a rimettersi in posizione per la 2° parte di punizione ,adesso ho di fronte a me Giovanna inginocchiata e Emiliapiegata a toccarsi la punta delle ciabattine ,infatti per questa 2° parte il sig. Scrooge a deciso per questa posizione ,il mio pene nel frattempo dopo un inizio un po sconcertante e spaventato adesso è eccitatissimo ,Giovanna girando il visetto verso di me e addirittura sorridendo mi chiede -sono stata brava?- io -si molto molto brava- -meglio di mia sorella vero?- – si vero- rispondo io.
Emiliadeve aver sentito, gira leggermente la testa per guardarmi ma non dice niente il primo colpo delle seconda parte di punizione arriva a sorpresa sulle chiappette di Emiliache accenna un urletto ed un movimento ,ma a sorpresa dice – grazie signore ancora signore- ,staccck 2 Staaacck 3 poi il 4 ed il 5° entrambi sulle cosce fanno urlare, Emiliache subito dopo dice -mi scusi signore la prego ripeta i 2 colpi- il sig, Scrooge sorride soddisfatto -bene signorina stai pronta- lo zio e la zia guardano soddisfatti le loro figlie ricevere una punizione esemplare e severa ,altro che le sculacciate che avevano preso fino ad allora ,Staaakkkkkkk Staaaaccccckkk due fortissime e fischianti bacchettate si abbattono sulle stupende cosce di Emiliache mugola un urlo trattenuto e ondeggia più volte lo stupendo culo ma non oltre -Benissimo signorina andiamo avanti- – si signore grazie signore. stack 6 staacckkk 7 Staaacccckkkk 8 sempre più forti su chiappe e cosce fino alla 11°e 12° che Emiliasi massaggia le cosce doloranti ,il sig. Smiht dice -non ci siamo signorina- – è vero signore le ultime due bacchettate sono da ripetere e subito- Staaacck Staccck sempre sulle cosce perchè ormai le natiche sono segnatissime,Emiliaresta in posizione con le gambe tremolanti aspettando ordini ha un culo stupendo,il sig. Scrooge chiama Giovanna che subito si alza ondeggiando il culetto -qua Giovanna aggrappati alla schiena di tua sorella e tu Emiliapiegati fino a far sollevare le gambe da terra a Giovanna- in quella posizione posso vedere il Culo segnatissimo di Emiliaattraverso le gambe un po allargate di Giovanna che in quella posizione adesso deve ricevere altri 12 colpi ,ormai io mi accorgo esser venuto nei pantaloni.
Quando la bacchettatura di Giovanna con il culo già rossissimo inizia la mia eccitazione è al massimo i colpi si susseguono uno dopo l’altro, Giovanna in effetti anche se più piccola è molto più resistente di Angela, la bacchettatura prosegue veloce e fischiante, tra un mugolio e l’altro di Giovanna si arriva al dodicesimo colpo senza colpi supplementari -bene signorine- dice il sig; Scrooge -per questa volta può bastare- -grazie sig: Scrooge- dicono in coro Emiliae Giovanna,lo zio e la zia parlano con il sig: Smit, io non sento cosa si dicono ma spero che sia quello che io penso ,ovvero un’altra punizione per quelle 2 monelle che mi mettono sempre in imbarazzo,nonostante i culetti e le cosce in fiamme chiedono -ma Signor. Scrooge, papa il regalo non c’è.- -certo che c’è- Giovanna riceve un pacco e Emiliacorre alla porta e apre,sua madre le urla -ma non puoi uscire cosi a culo nudo e tutto segnato – – non importa mamma- ed esce in giardino per vedere il motorino -grazie papà grazie mamma- incredibile hanno già dimenticato tutte quelle bacchettate.
Dopo mezzanotte salutato e ringraziato il sig Scrooge si va in camera ,ma a notte fonda sento aprire la porta della cameretta dove dormivo ,accendo la lampada sul comodino e vedo Emiliae Giovanna completamente nude che si avvicinano al mio letto di colpo fanno volar via le coperte scoprendo il mio pene rittissimo e durissimo, dicendo – poverino è per colpa nostra che ridotto cosi- e cominciano a strusciarlo su e giù, poi una alla volta si sdraiano sulle mia ginocchia per farsi accarezzare il culetto rosso fuoco con strisce a rilievo violacee, per me una cosa eccitantissima poi una per volta cominciano a leccarmelo piano piano per me era la prima volta non fu un vero pompino anche perchè io venni subito quando mi chiesero se la punizione mi era piaciuta ,chi era stata la più brava a ricevere le bacchettate, se le bacchettate erano state sufficientemente severe ecc. Fu la notte di Natale più bella della mia vita